This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

Cittadinanza per coniuge tramite matrimonio

 

Cittadinanza per coniuge tramite matrimonio

MODALITÁ PER AVVIARE LA PRATICA DI RICHIESTA DELLA CITTADINANZA PER MATRIMONIO PER CONIUGE DI RESIDENTI IN VIETNAM.

Non appena in possesso della documentazione prevista si prega di mandare una mail alla casella di posta elettronica dell'Ufficio Consolare (hochiminh.consolato@esteri.it) con oggetto "CITTADINANZA PER MATRIMONIO".

L'interessato verra' contattato per definire un appuntamento in Consolato, insieme al coniuge italiano e portando i passaporti di entrambi, per la consegna dei documenti sopra elencati, il pagamento dei diritti consolari, e la compilazione delle pagine dell'istanza.

N.B. Per i non residenti in Vietnam (la pratica di richiesta della cittadinanza va inoltrata alla competente Prefettura), si prega di informarsi bene su quali documenti, prodotti dalle Autoritá locali, sono dal competente ufficio in Italia, richiesti. I documenti locali dovranno essere legalizzati presso il Ministero degli Esteri vietnamita (in Ho Chi Minh City presso l’ufficio del Dipartimento degli Esteri al N. 6 Alexandre de Rhodes, Distretto 1), e munito di traduzione in Italiano da eseguirsi presso i traduttori dell’Allegato elenco. Infine portati, previo appuntamento preso on-line su questo sito, all'ufficio consolare per ottenere le conformitá delle traduzioni, I dovuti controlli e le vidimazioni richieste (i documenti sono pronti dopo circa due settimane lavorative).
Sono previsti costi di tariffa consolare per le varie legalizzazioni di firma, per bolli e per certificazione di conformita' agli originali delle traduzioni in Italiano.

Per le altre modalita' di acquisto a domanda si prega di visionare le informazioni istituzionali al seguente link: http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/Cittadinanza.htm

Naturalizzazione

I requisiti sono:

  • dieci anni di residenza legale;
  • Reddito sufficiente;
  • assenza di precedenti penali;
  • rinuncia alla cittadinanza d’origine (ove prevista).

Il numero di anni può essere abbreviato a:

  • tre anni di residenza legale per i discendenti di ex cittadini italiani per nascita fino al secondo grado e per gli stranieri nati sul territorio italiano;
  • quattro anni di residenza legale per i cittadini di uno Stato appartenente alle Comunità Europee;
  • cinque anni di residenza legale per gli apolidi e i rifugiati, così come per gli stranieri maggiorenni adottati da cittadini italiani;
  • sette anni di residenza legale per l’affiliato da cittadino italiano;
  • non è richiesto alcun periodo di residenza per gli stranieri che hanno prestato servizio allo Stato per un periodo di almeno cinque anni, anche all’estero.

La domanda di naturalizzazione va intestata al Presidente della Repubblica e presentata alla Prefettura della Provincia di residenza.


208